Quale Supply Chain? Azienda che vai, definizione che trovi

18 febbraio 2016

 

Il fatto che ciascuna azienda abbia un diverso approccio operativo alla Supply Chain, funzionale alle proprie peculiarità ed esigenze di business che la caratterizzano, non pone in discussione il modello, quanto evidenzia l’importanza di avere un framework di riferimento condiviso che consenta di operare le scelte opportune all’interno di ciascun contesto aziendale. Sopratutto in questo ultimo periodo gli schemi organizzativi e gestionali di impresa sono stati messi sotto osservazione per verificarne la capacità di fornire risposte alle necessità aziendali.

 

Spesso però si commette l’errore di considerare un modello di riferimento come fosse una sorta di panacea a tutti i problemi aziendali. Al contrario, come tutti i modelli di riferimento, questi devono essere analizzati e compresi nelle loro dinamiche di fondo per poi verificare in quale misura e applicabilità possono essere di aiuto al conseguimento degli obiettivi aziendali.

 

Il modello di Supply Chain è un modello teorico fondamentale a cui riferirsi per operare le scelte migliori per la propria azienda, tenuto però conto anche della tipologia di business dell’azienda, delle sue dimensioni, del suo mercato di riferimento e – non ultimo – della comprensione che  la direzione aziendale ha del modello stesso. La necessità di un framework di riferimento comune e condiviso consente quindi non solo di avere dei validi driver decisionali, bensì di sviluppare una chiave interpretativa delle scelte e dei fenomeni aziendali in genere, offrendo al professionista la possibilità di contribuire significativamente al processo di creazione di valore. Non è un caso il fatto che sempre più spesso si senta parlare di Value Chain al posto di Supply Chain.

 

Il valore di un modello di riferimento è poi tanto più elevato quanto maggiore è il contributo, lo studio e la visione internazionale che ne sono alla base. In quest’ottica, la certificazione che APICS rilascia altro non è che l’attestato di competenza con riferimento alle dinamiche di base del modello di Supply Chain sottostante. La capacità di analizzare i fondamentali del modello e di assimilarne le variabili chiave, sono poi gli elementi che consentono al professionista di operare le scelte quotidiane all’interno della propria azienda in funzione delle peculiarità del proprio business di riferimento, senza però perdere di vista i riferimenti concettuali del modello. Tale sensibilità si acquisisce con l’esperienza e sopratutto tramite il confronto e dibattito con altri professionisti. Il senso della certificazione APICS è proprio quello di attestare la comprensione da parte dei professionisti del framework di riferimento della Supply Chain, fornendo loro elementi di supporto per le scelte aziendali e creando una base comune di confronto e analisi sulle diverse realtà aziendali.

Torna all'indice news
Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sulle News AIGI
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.